top of page

CRIMINI DI STATO


Come i governi finanziano la distruzione della vita sul pianeta.

Estratto da un articolo di George Monbiot

The Guardian, 30 novembre 2022

Le industrie più distruttive del mondo sono ferocemente protette dai governi.

I tre settori che sembrano essere maggiormente responsabili del collasso degli ecosistemi e della cancellazione della fauna selvatica sono i combustibili fossili, la pesca e l'agricoltura . Nel 2021, i governi hanno sovvenzionato direttamente la produzione di petrolio e gas per un importo di 64 miliardi di dollari e hanno speso altri 531 miliardi di dollari per mantenere bassi i prezzi dei combustibili fossili. Gli ultimi dati sulla pesca, dal 2018, suggeriscono che i sussidi globali per il settore ammontano a 35 miliardi di dollari all'anno, di cui oltre l'80% va alla pesca industriale su larga scala. La maggior parte viene pagata per “aumentare la capacità”: in altre parole per aiutare l'industria a catturare più pesci mentre gli ecosistemi marini collassano.

Ogni anno, i governi spendono 500 miliardi di dollari in sussidi agricoli , la maggior parte dei quali non tiene conto della protezione ambientale . Anche i pagamenti che affermano di farlo spesso infliggono più danni che benefici. Ad esempio, molti dei sussidi "verdi" del secondo pilastro dell'Unione Europea sostengono l'allevamento del bestiame su terreni che sarebbero meglio utilizzati per il ripristino ecologico. Oltre la metà del bilancio agricolo europeo viene speso per sostenere l'allevamento di animali , che è probabilmente l' industria ecologicamente più distruttiva del mondo . La produzione di carne al pascolo distrugge cinque volte più foreste dell'olio di palma e ora minaccia alcuni degli habitat più ricchi della Terra, tra cui le foreste del Madagascar, della Repubblica Democratica del Congo, dell'Ecuador, della Colombia, del Brasile, del Messico, dell'Australia e del Myanmar. La produzione di carne potrebbe inghiottire 3 milioni di chilometri quadrati dei luoghi più ricchi di biodiversità del mondo in 35 anni . È quasi la dimensione dell'India. In Australia, il 94% della deforestazione nel bacino idrografico della Grande Barriera Corallina - una delle principali cause della perdita di coralli - è associato alla produzione di carne bovina . Tuttavia, la maggior parte di queste catastrofi viene realizzata con l'aiuto di denaro pubblico.

Quanto più distruttivo è il business, tanto più è probabile che goda di protezione politica. Nel Regno Unito, uno studio pubblicato questo mese afferma che gli allevamenti di pollame in costruzione nell'Herefordshire e nello Shropshire rischiano di distruggere molti più posti di lavoro di quanti ne creino , compromettendo il turismo a causa dell'inquinamento del fiume, dell'inquinamento atmosferico, dell'odore e del degrado paesaggistico che causano. Le industrie "dure", "maschili" che guidano i sistemi terrestri verso il collasso sono coccolate e protette dai governi, mentre i settori meno distruttivi devono cavarsela da soli.

Mentre non mancano i soldi pubblici per la distruzione della vita sulla Terra, i budget per la sua protezione sono sempre insufficienti. Secondo le Nazioni Unite, saranno necessari 536 miliardi di dollari all'anno per proteggere il mondo vivente - molto meno della somma pagata per distruggerlo - eppure mancano quasi tutti questi finanziamenti. Alcuni sono stati promessi, quasi nessuno si è concretizzato. Alla faccia dei soldi pubblici per i beni pubblici.

La protezione politica delle industrie distruttive è intessuta nel tessuto della politica: più dannosa è l'impresa commerciale, più denaro deve spendere in politica per garantire che non sia regolamentata, con la politica che finisce per essere dominata dalle imprese commerciali più dannose. I sistemi terrestri, al contrario, sono trattati come un ornamento: belli da avere, ma superflui quando la loro protezione è in conflitto con la necessità dell'estrazione. In realtà, l'essenziale irriducibile è un pianeta abitabile.

Nel 2010, in occasione di un vertice sulla biodiversità a Nagoya, in Giappone, i governi si sono fissati 20 obiettivi, da raggiungere entro il 2020. Nessuno è stato raggiunto . Mentre si preparano per il vertice Cop 15 sulla biodiversità a Montreal la prossima settimana, i governi non stanno investendo nella difesa del mondo vivente ma nel greenwashing.

L'obiettivo principale è proteggere il 30% della terra e degli oceani del mondo entro il 2030. Ma ciò che i governi intendono per protezione spesso ha poca somiglianza con ciò che intendono gli ecologisti.

Le industrie protette che ci spingono verso la distruzione prenderanno tutto se non saranno controllate. Affrontiamo una brutale competizione per il controllo della terra e del mare: tra coloro che cercano di convertire i nostri sistemi di supporto vitale in profitto e coloro che cercano di difenderli, ripristinarli e, ove possibile, restituirli agli indigeni espropriati dal fronte di fuoco del capitalismo . Non si tratta mai solo di questioni tecniche o scientifiche. Non possono essere risolti dalla sola direzione. Sono profondamente politici. Possiamo proteggere il mondo vivente o possiamo proteggere le aziende che lo distruggono. Non possiamo fare entrambe le cose.





Commenti


bottom of page