STORIA DI ABDI



Prima i raccolti sono falliti. Poi le ripetute siccità hanno fatto in modo che la famiglia Keer non potesse più coltivare la frutta e la verdura che un tempo forniva loro un reddito.

I loro animali sono morti e la mandria di 40 capre si è ridotta a sei.

Nessuna delle loro mucche è sopravvissuta.

Quando il fiume si è prosciugato, lasciandoli definitivamente senz'acqua, la famiglia ha convenuto che non aveva altra scelta se non lasciare la loro casa nel villaggio di Bootis, nel sud-ovest della Somalia.

Il viaggio di 65 km fino al campo di Bulo Garas, a est di Baidoa, nella regione della baia dello stato sudoccidentale, è durato quattro giorni. Lungo la strada, uno degli asini che trainava il carro di famiglia è morto. Speravano che il campo avrebbe offerto un po' di sollievo dalla loro situazione ma non è stato così. All'inizio di quest'anno, le Nazioni Unite hanno descritto la Somalia come il luogo di una catastrofe. Dopo tre stagioni consecutive senza pioggia, ora anche la quarta non ha portato un goccio d'acqua.

Claire Sanford, vicedirettrice umanitaria di Save the Children, ha affermato che la crisi è la peggiore che abbia mai visto nei suoi 23 anni di carriera.

La vita al campo di Bulo Garas, che ospita 630 famiglie, è poco diversa da quella del villaggio. Il campo, aperto il mese scorso, non ha un punto d'acqua – i residenti fanno affidamento sulla gente di Baidoa – e il cibo scarseggia.



Nel campo, i nuovi arrivati devono costruire dei ripari con tutto ciò che riescono a trovare.

Essendo la maggiore dei cinque figli, Khadijo Abdi Keer, 20 anni, si sente responsabile della cura della famiglia, ma la sua disabilità le rende impossibile andare a prendere cibo e acqua.

"Ieri sera non avevamo niente da mangiare", dice. "Abbiamo solo un pasto al giorno di fagioli e tè." Nel 2011 in Somalia è stata dichiarata la prima carestia del 21° secolo ma questa siccità è diversa, secondo Abdinasir Abdi Aruush, ministro degli affari umanitari dello stato del sud-ovest che una volta era conosciuto come il granaio del Corno d'Africa.

L'erosione dell'agricoltura e l'instabilità politica nella regione hanno aggravato gli effetti della crisi climatica con risultati devastanti.

L'ONU afferma che oltre 18 milioni di persone soffrono di grave insicurezza alimentare in tutta la regione, sette milioni di loro in Somalia, quasi la metà della popolazione.


Estratto da The Guardian 23 giugno 2022