top of page

Fame d'aria (pulita)


fonte, The Guardian 20 settembre 2023


L’Europa sta affrontando una “grave crisi sanitaria pubblica”, con quasi tutti nel continente che vivono in aree con livelli pericolosi di inquinamento atmosferico, ha rilevato un’indagine del Guardian.

L’analisi dei dati raccolti utilizzando una metodologia all’avanguardia – comprese immagini satellitari dettagliate e misurazioni da oltre 1.400 stazioni di monitoraggio a terra – rivela un quadro terribile dell’aria sporca, con il 98% delle persone che vivono in aree con elevato inquinamento da particolato fine. Quasi due terzi degli europei, infatti, respirano aria che è inquinata più del doppio rispetto alle linee guida dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

L’Europa orientale è significativamente peggiore dell’Europa occidentale, a parte l’Italia , dove più di un terzo di coloro che vivono nella pianura padana e nelle aree circostanti, respirano un’aria che è quattro volte superiore ai limiti indicati dall’OMS per il particolato aereo più pericoloso.

Il Guardian ha collaborato con esperti di inquinamento per produrre una mappa interattiva che rivela le aree più colpite del continente. Le misurazioni si riferiscono al PM2,5 minuscole particelle sospese nell’aria prodotte per lo più dai combustibili fossili, alcune delle quali possono passare nei polmoni e nel flusso sanguigno, colpendo quasi tutti gli organi del corpo . Le attuali linee guida stabiliscono che le concentrazioni medie annuali di PM2,5 non dovrebbero superare i 5 microgrammi per metro cubo (μg/m 3 ) e la nuova analisi ha rilevato che solo il 2% della popolazione europea vive in aree che rispettano questo limite.

Gli esperti affermano che l'inquinamento da PM2,5 provoca circa 400.000 morti all'anno in tutto il continente . “Si tratta di una grave crisi di salute pubblica”, ha affermato Roel Vermeulen, professore di epidemiologia ambientale all’Università di Utrecht che ha guidato il team di ricercatori che ha compilato i dati.

Il traffico, l’industria, il riscaldamento domestico e l’agricoltura sono le principali fonti di PM2,5 e l’impatto viene maggiormente avvertito dalle comunità più povere.

L’inquinamento atmosferico è diventato un problema chiave in Europa, con l’UE sotto pressione affinché faccia di più per affrontare la crescente crisi sanitaria pubblica.

Ma gli esperti dicono che è necessario agire adesso. Essi sottolineano un numero crescente di prove che dimostrano che l’inquinamento atmosferico è collegato a una vasta gamma di problemi di salute, dalle malattie cardiache e polmonari, al cancro e al diabete, dalla depressione e dalle malattie mentali, al deterioramento cognitivo e al basso peso alla nascita.

La ricerca ha anche dimostrato che all’interno dei singoli Paesi, le comunità più povere hanno maggiori probabilità di vivere in aree con il peggiore inquinamento atmosferico. Barbara Hoffmann, professoressa di epidemiologia ambientale all’Università di Düsseldorf, ha affermato che l’inquinamento atmosferico è un problema di “ingiustizia ambientale” e che i Paesi più colpiti sono anche quelli con il reddito medio più basso.

È urgente ripulire l’aria per garantire pari opportunità e per una vita sana in tutta Europa.

Comments


bottom of page