top of page

L'uomo che non voleva volare.


Storia di Gianluca Grimalda, ricercatore sui cambiamenti climatici, raccontata da The Guardian del 12 ottobre 2023.


Due settimane fa, il mio datore di lavoro mi ha presentato un duro ultimatum: tornare nei miei uffici a Kiel, in Germania, entro cinque giorni, altrimenti avrei perso il lavoro. Sono un ricercatore climatico e da marzo 2023 ho completato un lavoro sul campo sull'impatto sociale dei cambiamenti climatici a quasi 24.000 km di distanza, sull'isola di Bougainville al largo della costa della Papua Nuova Guinea .

Il mio lavoro si era impantanato in problemi imprevedibili, dai disastri naturali alle minacce alla sicurezza, e il mio datore di lavoro era, ovviamente, scontento che il mio ritorno fosse stato ritardato di molte settimane. L’urgenza, significava che avrei dovuto saltare su un aereo se volevo rispettare le scadenze ma per me questa non era un'opzione. Pratico l'obiezione di coscienza al volo da più di 10 anni. Il mio datore di lavoro mi ha supportato in un “viaggio lento” in passato. Non boicotto del tutto il volo, ma ho deciso di prendere un aereo solo quando non esiste alternativa.

Questo fine settimana salperò su una nave mercantile per tornare in Germania, viaggiando verso la Nuova Britannia orientale in Papua Nuova Guinea. Da lì coprirò la distanza rimanente verso l’Europa con nave mercantile, traghetto, treno e pullman.

Molte persone mi hanno chiesto perché è così importante per me viaggiare con il minor consumo di carbonio possibile. Ho tre ragioni. Innanzitutto voglio essere coerente con il mio impegno morale di evitare di volare. Tra tutte le forme di trasporto, l’aviazione è il principale responsabile del cambiamento climatico, un fattore importante nell’aumento delle temperature e negli eventi meteorologici estremi a cui assistiamo sempre più frequentemente in tutto il mondo.

Un viaggio in aereo dalla Papua Nuova Guinea alla Germania produce, in 32 ore, 5,3 tonnellate di CO2 per passeggero. La marcia lenta produce circa 12 volte meno (420 kg). Nell’attuale stato di emergenza climatica, 4,9 tonnellate di CO2 – più o meno quanto emette in un anno la persona media nel mondo – per accelerare il mio ritorno in Europa, non era moralmente accettabile per me.

In secondo luogo, ho promesso a tutti i 1.800 partecipanti alla mia ricerca a Bougainville che sarei tornato a basse emissioni di carbonio. Voglio mantenere la mia promessa. Gli uomini bianchi (di cui faccio parte anch'io, come mi viene spesso ricordato qui) sono spesso definiti giaman – bugiardi, truffatori in Tok Pisin – probabilmente con buone ragioni dato il turbolento passato coloniale del paese. Non voglio essere visto come Giaman .

Infine, e cosa più importante, spero che il mio caso possa aprire una piccola crepa nel muro di “egoismo, avidità e apatia” che, nelle parole dell’avvocato specializzato in clima Gus Speth, caratterizzano il principale ostacolo per fermare il cambiamento climatico fuori controllo . Molte persone penseranno che sia una folle a rinunciare al lavoro dei propri sogni per evitare di prendere un volo. Ma, nell’attuale era di collasso climatico, a mio avviso è folle continuare con il “business as usual”, quando la scienza ci dice che siamo pericolosamente vicini (o che abbiamo già superato) il collasso dei principali ecosistemi.

Non sono il tipo a cui piace dire agli altri cosa fare ma vorrei invitare le persone a spostare i confini di ciò che è considerato normale all’interno della propria sfera di azione. Attribuire la responsabilità all’individuo medio può essere visto come un modo per tenere fuori dai guai coloro che sono realmente responsabili di quello che sta avvenendo. Secondo Oxfam , il 10% più ricco del mondo produce oltre la metà delle emissioni. Novanta aziende sono responsabili del 63% delle emissioni storiche di CO2 del mondo . In tutto il mondo, volare rimane una prerogativa delle élite – compresi i ricercatori dei paesi occidentali, che probabilmente fanno parte del 10% che produce la maggior parte delle emissioni. Ma la ricerca empirica mostra che “camminare a piedi” è importante. Secondo uno studio, gli scienziati che hanno ridotto la propria impronta di carbonio hanno maggiori probabilità di essere persuasivi presso il pubblico rispetto agli scienziati che non lo hanno fatto. L'azione individuale, anche se ovviamente inefficace nel ridurre drasticamente le emissioni di carbonio, ha dimostrato di avere effetti di amplificazione significativi , poiché il “buon esempio” dell'individuo viene replicato e ulteriormente propagato dalle persone sui loro social network.

Nel momento in cui scrivo sto aspettando di imbarcarmi sulla nave mercantile per la prima tappa del mio viaggio a basse emissioni di carbonio verso l’Europa. Quando arriverò in Europa, tra circa 45 giorni, sarò senza lavoro. Se, nel mio cammino, riuscissi a convincere la gente che il nostro pianeta è seriamente in pericolo e che è necessaria un’azione radicale e straordinaria, perdere il lavoro sarà stato un prezzo da pagare.

Comments


bottom of page